Timpano di me di LipPlus FloraeFauna Jewellery

0 voti + 3 fb = 3

Le tue mani su di me come fossi fior di farina bagnata da impastare, mi girano, affondano, dividono, riuniscono. La tua saliva il bianco d’uovo, le tue labbra il rosso; il tuo sudore la sugna. Preparerai un riparo e mi distenderai, in attesa. Ti laverai, sgocciolerai, spellerai il cervello e lo farai in quartini, poi agg...iungerai il fegato e il cuore. La tua carne, pesta, come farsa, attraversata da voglie inaudite. Unirai i tuoi sogni come uovi, i desideri infiniti come piselli e il tuo odore, di terra, come funghi a riempire gli interstizi bagnando poi tutto con l’essenza calda di te come fosse brodo. Intorno porrai la brace che lenta trasforma. Al momento giusto affonderai la punta di un coltello a provare che io sia pronta a essere rivoltata, tolta dal riparo. Mi farai scivolare su un piatto di rose, mi taglierai e ti inebrierai del profumo sprigionato dalla fessura. Un sorso di vino a prepararti la bocca e poi, morso dopo morso, boccone dopo boccone, mi gusterai, assaporando ogni aroma: il chiodo di garofano, la cannella, il vino cotto, il macis, l’arancia candita. Ancora un sorso. Le cicale dietro la persiana socchiusa. Il sole che penetra a strisce. Il gelsomino nella coppa dell’acqua, ti sciacqui le dita, ti volgi, mi prendi. Il ristoro.


Commenti: 0 (Discussione conclusa)
    Non ci sono ancora commenti.