Bloody Mary's Sons

venerdì 16 marzo 2012 dalle 20.30

UNA SERATA DI PIENO GODIMENTO MUSICALE E DEL PALATO !!!!

Menù della serata :
antipasto della Cascina, varietà di salumi e formaggio con verdure in agrodolce e altre leccornie
risotto d’orzo con dadolada di anatra (vincitore della prima edizione del PIATTO DEL TREDICINO...)
strudel di mele con il gelato
acqua, buon vino, birra artigianale, espresso e buona musica tutto compreso a €. 25.00 a persona
si può arrivare anche dopo la cena ed apprezzare la buona musica dei Bloody Mary's Sons, pagando solo la consumazione

PRENOTAZIONE PER LA CENA OBBLIGATORIA.
DRIN DRIN 0322 48297       333 3006328
iragazzidellacascina@gmail.com

QUESTO EVENTO E' IMPERDIBILE !!!!!!!!!
PARTECIPATE ED INVITATE I VOSTRI AMICI!!!!

i BLOODY MARY'S SONS sono .......

 

I BMS è un trio nato da solo qualche mese, composto da tre musicisti aronesi abbastanza conosciuti nella zona del lago Maggiore:

Valerio DEL PONTE: chitarra acustica e voce.

Jacopo BERSAN: chitarra elettrica.

Luciano BEJA: batteria e percussioni.

 

Il repertorio che eseguono è inedito (a parte quattro o cinque cover) ed e formato da brani vocali e strumentali di svariati generi: folk, pop, blues, latino rock, bossa nova, swing, atmosphere ecc.

I brani composti da Valerio Del Ponte sono stati riveduti e corretti da Jacopo Bersan, chitarrista emergente, dotato di una buona tecnica individuale; i due chitarristi nonostante l'enorme differenza di età e le diverse culture musicali di provenienza, sono riusciti ugualmente a dare vita ad una perfetta sintonia musicale, completata dai ritmi precisi e ordinati del batterista Luciano Beja.

 

Due parole sul nome del gruppo che ai più potrà sembrare curioso.

Molti conoscono Bloody Mary come il nome di un cocktail al succo di pomodoro, ma non tutti sanno che BloodY Mary è un personaggio immaginario della cultura fantasy europea; praticamente è il fantasma di una ragazzina che un padre pazzo e snaturato per far si che non patisca le sofferenze di una grave malattia infettiva, prima l'addormenta con un potente sedativo e quindi la sotterra nel freddo terreno; si può immaginare il terrore della ragazza quando al suo risveglio si troverà seppelita e destinata ad una morte certa. Il fantasma tornerà in cerca della sua vendetta.

Per il gruppo aronese che ha adottato questo nome, Bloody Mary rappresenta la madre di tutte quelle persone che non hanno né parola, né credito nella società in cui vive, praticamente dei sepolti vivi in balia degli arroganti e di tutte quelle persone che mantengono il potere. Sepolti vivi erano i brani di Valerio Del Ponte, da tempo sotterrati e dimenticati e che oggi hanno visto la luce, grazie alla collaborazione di Jacopo Bersan.

 

Non vi resta che venire a LA CASCINA a conoscerli e naturalmente a gustare le leccornie che la direzione con cura e professionalità saprà proporvi.